Registrati | Accedi Recupera la password

I progetti più recenti

Export Friends

Il progetto prevede la creazione di un servizio pensato per mettere in contatto i clienti (prevalentemente PMI) con lavoratori on-demand (cd Export Friends) che vivendo nei paesi di interesse dell’imprenditore possono aiutarlo nella gestione di attività e progetti propedeutici all’export o all’internazionalizzazione. I servizi che si intende erogare nella fase iniziale di sviluppo fanno riferimento a 4 aree “operative”: DATA COLLECTION & SURVEY: Dedicato a chi ha la necessità di reperire informazioni specifiche sul mercato di interesse. L’ExportFriend, in questo caso può ad esempio effettuare il rilevamento dei prezzi praticati dai competitor, somministrare questionari a clienti finali o a retailer, produrre liste di clienti potenziali, effettuare altre tipologie di rilevamento presso i pdv. TEST DI VENDITA: Specifico per le aziende che vogliono sperimentare sul campo il gradimento del loro prodotto. Nel test di vendita l’ExportFriend visita un numero definito di potenziali clienti e procede alla dimostrazione di prodotto tramite campionatura o catalogo, raccoglie i feedback e li trasmette all’azienda fornendogli un quadro preciso dei punti di forza e di debolezza dell'offerta proposta. GESTIONE E ORGANIZZAZIONE EVENTI: Dedicato alle aziende che necessitano di un aiuto in loco per l’organizzazione di eventi (es. fiere, aperture di temporary shop) o per la gestione di iniziative di field marketing (es. on-site promotion). CONSULTING & INSIGHT Per le aziende che hanno bisogno di avere velocemente un quadro sul paese di interesse per meglio comprenderne le potenzialità, le strategie da seguire, gli eventuali elementi di attenzione. In questo caso, l’EF è un esperto che, grazie alla conoscenza delle dinamiche di mercato potrà fornire il supporto conoscitivo richiesto.

Dettagli

UnFraud

Ad oggi il problema delle frodi online rappresenta una perdita annua stimata in 20 miliardi di dollari per gli operatori che accettano pagamenti online. Ci sono diversi sistemi di prevenzione delle frodi ma si basano, per la maggior parte, su quello che viene definito sistema a regole e cioè l’incrocio di dati quali IP, indirizzo di spedizione ovvero l’incrocio tra i dati relativi all’indirizzo email e lo storico acquisti dell’utente che, a seguito di combinazioni predefinite, attribuiscono la regolarità o meno della transazione. Quest’approccio, per le sue caratteristiche metodologiche, nella sua attuazione si è rivelato molto rigido con il risultato negativo di bloccare molte transazioni legittime per il solo motivo di essere contraddistinte da alcuni degli elementi che, per default, sono ritenuti pericolosi; ad esempio, un indirizzo IP di un Paese dal quale sono effettuate molte frodi ed indirizzo di spedizione in un Paese diverso da quello da cui si sta svolgendo la transazione è di fatto bloccato. La soluzione UnFraud utilizza invece un approccio di tipo “dinamico” basato su un sistema d’intelligenza artificiale ed è quindi in grado di discernere le transazioni fraudolente da quelle legittime, anche se si è in presenza di elementi di forte criticità come quelli riportati nell’esempio precedente. Questo è possibile grazie al fatto che tramite semplici API la tecnologia di UnFraud è in grado di monitorare costantemente l’attività degli utenti sulla pagina del sito web e studiarne il comportamento; quest’ultimo viene confrontato con i dati forniti e solamente dopo l’incrocio di questi due elementi viene espresso un giudizio sulla validità della transazione. Inoltre UnFraud ha sviluppato internamente il proprio sistema di Behavioural Analytics in grado di tracciare e comprendere il comportamento d'acquisto e di navigazione di un sito.

Dettagli

MYOURJOB

Myourjob intende sviluppare servizi innovativi, fruibili attraverso piattaforme ICT, che siano in grado di migliorare l’inserimento nel mondo del lavoro, combattendo i market failure del mercato del lavoro e garantendo pari opportunità di accesso alle professioni a tutti i lavoratori, partendo innanzitutto dai giovani e dalle categorie più svantaggiate. Myourjob è infatti un portale di nuovissima concezione che, utilizzando le potenzialità del Web, intende offrire ai giovani studenti, ma anche ai non più giovani estromessi dal mercato del lavoro, così come ai NEET (Not in Education Empliment Training) la possibilità rispettivamente di scegliere la professione del domani con riguardo non solo ai contenuti ma alle reali esigenze del mercato, o di riprogettare un percorso professionale che tenga conto delle esperienze lavorative acquisite e della domanda di determinate professionalità. Il sistema poggia su una grande base di dati relativa alle professioni esistenti nel nostro Paese (censite più di 318 ripartite per comparto produttivo), integrata da brevi video clips esplicativi dei singoli contributi professionali, e da informazioni come la futura richiesta del mercato per la data professione, il livello medio di retribuzione all’ingresso, il percorso scolastico curriculare necessario, ecc. Un corretto orientamento al lavoro rappresenta un aspetto importante in Italia visto che, come evidenziato dalla ricerca “Studio ergo Lavoro”, pubblicata da Mckinsey nel 2014, il 47% dei datori di lavoro dichiara di avere difficoltà nel trovare i lavoratori giusti (percentuale più alta tra i Paesi della UE e quasi il doppio di quella tedesca), mentre solo il 19% dei giovani italiani dichiara di aver ricevuto informazioni sufficienti sulle opportunità di carriera collegate ai diversi campi di studio e la percentuale di coloro che, con il senno di poi, confermerebbero la propria scelta, si ferma solo al 45%. In sintesi un giovane italiano su due non è soddisfatto della propria scelta in termini di formazione superiore e di “scelta di carriera” e pensa che una delle cause principali risieda nel non aver avuto sufficienti informazioni. Myourjob intervenire contrastando il mismatch tra domanda e offerta di lavoro attraverso la creazione e lo sviluppo di innovativo sistema “virtuale” di Job shadowing, prassi assai comune negli USA ed in altri Paesi Anglo Sassoni. La locuzione Job shadowing indica la sperimentazione, in prima persona, di un determinato tipo di lavoro, e consiste nella possibilità, per uno studente/tirocinante, di seguire per diversi giorni un professionista o un manager nel corso della sua attività. Tale metodo, nei Paesi in cui è stato sviluppato, ha reso e sta rendendo i giovani più consapevoli nella scelta della propria carriera, creando una relazione senza soluzione di continuità tra formazione, istruzione ed esigenze del mercato del lavoro. Un approccio del genere alla soluzione del problema dell’orientamento specialistico dei giovani e della loro occupabilità, realizzato attraverso le tecnologie multimediali e del Web, non è mai stato tentato ad oggi in Europa. Il linguaggio digitale particolarmente caro ai giovani, la ricchezza di stimolazioni sotto forma di brevi video e di webinar on line, la creazione di una community in ambiente social nella quale scambiare opinioni e dibattere le future scelte professionali, l’attendibilità delle informazioni sul mondo delle professioni e del lavoro (la cui fonte sono le stesse imprese) rendono questo approccio innovativo, originale, stimolante e soprattutto efficace

Dettagli

Visualizza tutti i progetti >

News

(29/04/2016) - Startup, online il rapporto sul primo trimestre 2016

Pubblicato il sesto numero del report strutturale curato da Infocamere con la collaborazione del Mise. Continua...

(27/04/2016) - Cratere sismico aquilano, il 9 giugno i nuovi incentivi

Incentivi per startup e imprese che vogliono investire nei Comuni colpiti dal terremoto. Continua...

@StartHopeFira